SCIENZA QUOTIDIANA

Sai perché l’oro è giallo?

Oro Giallo

Condividi!

E’ la fisica il responsabile del barlume scintillante di questo metallo prezioso.

La chimica prevede che l’oro e l’argento debbano avere lo stesso aspetto argenteo.

Per spiegare il colore dell’oro abbiamo bisogno di qualcos’altro – un mix di meccanica quantistica e la Relatività di Einstein.

La meccanica quantistica descrive gli elettroni di un atomo posizionati in orbitali. Nel caso dell’argento, serve un fotone ultravioletto ad alta energia per dare un calcio ad un orbitale superiore.

I fotoni a bassa energia e visibili, sono riflessi all’indietro, così l’argento agisce come uno specchio.

Qui la relatività entra in gioco perché, a causa delle dimensioni degli atomi dell’oro, i suoi elettroni viaggiano ad oltre metà della velocità della luce.

La teoria di Einstein ci insegna che a queste velocità la massa degli elettroni aumenta, il che a sua volta significa che l’energia necessaria per farli salire su un altro orbitale è ridotta.

Quindi i fotoni blu a bassa energia vengono assorbiti e non si riflettono sull’oro.

E se il blu viene rimosso, vediamo il giallo.

Condividi!

Sai Perché? è un blog di scienza, sociologia e attualità. Di taglio divulgativo, si prefigge di rispondere ai molteplici "perché" quotidiani. Ogni giorno nuovi articoli di scienza, storia, salute, approfondimenti, tecnologia, sport, animali, natura, spazio e comportamento.

1 Comment

  1. Le dinamiche della fisica che rendono l’oro di colore giallo, dipendono da come il nostro occhio percepisce la luce emessa da ogni oggetto che guardiamo, nel caso dell’oro il modo con i suoi atomi riflettono la luce viene interpretato come giallo dai nostri occhi.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *